Qual è la natura dell’insonnia?

Molti pensano che l’insonnia sia un disturbo che ti impedisce del tutto di dormire.
Quindi un insonne è una persona che non dorme MAI?

Ovviamente no e come sempre le cose sono un po’ più complesse e variegate di come ce le immaginiamo…
Certamente esiste anche quella forma di insonnia gravissima che comporta una mancanza totale di sonno e porta alla morte dell’individuo nel giro di 6-10 mesi.

Ma è estremamente rara.
Si chiama “insonnia familiare fatale” è una patologia neurodegenerativa di origine genetica e conta appena 200 casi in tutto il mondo (200 su 7.000.000.000 di individui).

L’insonnia di cui ti parlerò qui in realtà è un disturbo del sonno molto più diffuso che ti impedisce di riuscire a generare un sonno di qualità che duri tra le 7 e le 9 ore.
Questo tipo di insonnia si può presentare in varie forme e i sintomi più comuni sono proprio:

La difficoltà ad addormentarsi (quando ti metti a letto riesci a contare migliaia di pecore o ti rigiri per ore prima di prendere sonno);

Numerosi risvegli notturni (di notte ti svegli e ti addormenti più volte senza mai riuscire a dormire profondamente);

Svegliarsi nel cuore della notte, senza più riuscire a prendere sonno (involontariamente ti svegli molto molto prima dell’orario stabilito e non riesci più a riaddormentarti).

Escludendo i comportamenti scorretti e le cattive abitudini (anche inconsapevoli) in grado di causare questi sintomi – e di cui parlo nei prossimi articoli – l’insonnia può essere di 2 tipi:

1. Acuta o transitoria – quindi i disturbi si presentano in un periodo particolarmente intenso o stressante della tua vita, per scomparire una volta che la situazione di stress si conclude.

2. Oppure può diventare cronica – Quando i disturbi si presentano almeno 3 notti a settimana per più di 3 mesi di fila senza che siano già presenti situazioni di forte stress, disturbi mentali o altre patologie che possano causarli.

In ogni caso se soffri di insonnia non è che non dormi mai, ma lo fai poco e male. Quindi hai un sonno troppo breve (sotto le 7 ore per notte) e/o di pessima qualità (troppo leggero e disturbato da diversi risvegli).

Siccome mi rendo conto che una frase come: “l’insonnia è molto diffusa” probabilmente non rende bene l’idea, ora ti darò un paio di dati perché anche tu possa avere una panoramica più chiara sull’incidenza drammatica di questi disturbi.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Categorie articoli

|

Seguici sui nostri Social Media

Ultimi articoli

Vuoi rimanere aggiornato?

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi in anteprima tutte le informazioni sui rimedi migliori, le scontistiche e le promozioni sui prodotti per la tua salute

Ti potrebbe interessare..

0
    0
    Il Tuo Carrello
    Il Tuo Carrello è Vuoto
      Calcola Spedizione
      Applica Coupon